Categorie
News

Git e GitHub: quali sono le differenze? Bisogna usarli entrambi?

Scopri le differenze tra Git e GitHub e chiarisci ogni tuo dubbio a riguardo per capire come sfruttare al meglio questi due strumenti!

Anche tu quando si parla di Git e GitHub hai le idee poco chiare? In tal caso non preoccuparti, perché si tratta di un problema molto più comune di quanto immagini e che potrai risolvere definitivamente leggendo quest’articolo!

Per chi entra nel mondo dell’informatica e di internet ci sono molte cose che creano confusione. Nuove tecnologie, nuove ditte, nuovi programmi, nuove mode e nuovi slang che nascono e muoiono di continuo. Questo particolare aspetto ovviamente può generare molte incomprensioni. La maggior parte di queste sono causate da nomi simili, funzionalità simili o nomi che ricordano qualcos’altro rispetto a quello a cui si riferiscono.

Poi c’è il grande mondo dei nomi dati, in cui possiamo dire che non ci sia molta fantasia o creatività! Infatti nella maggior parte dei casi, si tratta solo di aggiunte (prefissi o suffissi) ai nomi originali. Facile da capire che hanno qualcosa in comune, meno facile capire cosa hanno in comune. E l’aspetto più sorprendente è proprio che a volte non hanno proprio nulla in comune!

Per questa ragione si genera molta confusione tra Git e GitHub fino, al punto che vengono erroneamente scambiati come termini analoghi. Infatti per quanto possa sembrare che si riferiscano a qualcosa di simile, in realtà non è proprio così. Si riferiscono piuttosto a strumenti collegati che solitamente vengono usati assieme ma non sono intercambiabili.

Quindi in questo articolo, cercheremo di distinguere Git e GitHub, capire cosa fanno e capire in che caso va usato uno a quando va usato l’ altro.

Cos’è Git?

Logo Git

Git, che significa “idiota” nello slang britannico, è un programma da terminale (che bisogna installare nel proprio computer) per fare il versionamento del codice e dei file di un progetto. Questo significa che riesce a salvare una “versione” (commit) del progetto per ogni “momento” (timestamp) del progetto stesso. 

Per questo motivo è possibile viaggiare nello storico del progetto senza perdere le modifiche successive o recuperare una vecchia versione di questo o quel file senza grossi problemi. Permette anche di identificare l’autore delle modifiche e “firmare” le modifiche in modo che sia possibile sempre risalire all’autore di quelle modifiche.

Il programma Git permette anche di fare “ramificazioni” (branch) del progetto dove poter sperimentare senza toccare la ramificazione principale mantenendo cosi almeno una versione “stabile” del progetto mentre si testano le nuove funzioni.

Questo permette di avere multiple persone che lavorano a multiple parti del progetto senza che si ottenga un conflitto tra gli autori delle modifiche.

Git permette anche di gestire tutto questo tra più computer utilizzando un server per ospitare il codice con git. Questo permette a persone da tutto internet di potervi accedere e contribuire senza avere problemi di sovrascrittura delle modifiche. Questo però necessita di un secondo software, installato e gestito su uno (o più) server. E qui entra in ballo GitHub.

Git in breve

Git è un programma. Permette di tornare indietro alle modifiche precedenti e tener traccia delle modifiche di codice e file.

Cos’è GitHub?

Logo GitHub

GitHub, il cui nome deriva da Git (il programma su cui si basa) e Hub (aggregatore, raccoglitore in inglese) è un sito web dove viene ospitato il codice gestito da Git. E ha tutta una serie di utility che permettono di migliorare la pubblicazione e lo sviluppo di codice con un team.

Ad esempio permette di avere sistemi di segnalazione dei problemi, raccolta  di feedback e di discussione per lo sviluppo e tool per pianificare sviluppi futuri. Tutte queste informazioni vengono salvate e tenute fino a una esplicita cancellazione da parte degli amministratori del progetto.

Altro strumento essenziale è il sistema di “gruppi di progetto” che permette di gestire gruppi di progetti sotto un nome unico e con un sistema di permessi per il gruppo o il singolo progetto.

Ha anche tutta una serie di tool per automatizzare tutta una serie di operazioni necessarie sia per i team più piccoli, permettendo di focalizzare le poche risorse in task realmente utili, che per i grandi team, permettendo di coordinare meglio il team stesso.

GitHub in breve

GitHub è un sito. Ospita i progetti git. Ha strumenti per discutere i progetti, condividerli e lavorare in Team.

Integrare GitHub a Git

Per quanto i due sistemi siano potenti singolarmente, l’utilizzo combinato dei due permette di fare “miracoli” e dare il meglio dei due strumenti.

La possibilità di condividere il proprio codice con un team ristretto o esteso per risolvere i bug o portare avanti un piano di sviluppo sapendo che il codice non avrà problemi di sovrapposizione o errori di sincronizzazione ti permette di lavorare meglio. 

È anche possibile vedere il codice altrui e, in base alle licenze di utilizzo dei progetti, è integrabile nel proprio progetto o avere quelle ispirazioni necessarie per poter risolvere i propri problemi.

Questo permette di avere un punto unico in cui tutti i programmatori trovano il codice di cui hanno bisogno e possono pubblicare codici sempre più aggiornati.

La differenza Git e GitHub in breve

Git è lo strumento per fare il versionamento dei progetti mentre GitHub è lo strumento per gestire i progetti e il team.

Hai ancora dubbi sulle differenze tra Git e GitHub? Guardiamo un esempio di un sito WordPress e scopriamo cosa possiamo prendere da GitHub.

Git e GitHub: ecco un esempio pratico

Abbiamo il nostro sito WordPress che è composto da svariate parti:

  • Tema del sito, che contiene tutto il codice necessario per visualizzare correttamente il sito e contiene tutte le parti grafiche del progetto
  • Plugins che alternano o aggiungono le funzionalità del sito stesso, per raggiungere in modo semplice i nostri obiettivi limitando fatica e errori
  • WordPress stesso, ovvero il motore del sito, che comanda tutto ed è il cuore del progetto
  • Database ovvero dove si trovano i dati del sito: utenti, configurazioni, articoli, pagine

Database a parte (che ha i tuoi specifici dati), puoi trovare tutti questi elementi su GitHub come progetti e sono modificabili attraverso Git.

Molti plugin di WordPress hanno dei repository su GitHub che permettono di vedere il codice e segnalare i bug. Stessa cosa viene fatta per molti temi.

Questo permette di trovare tutto quello di cui necessitiamo per costruire, mantenere e backuppare un sito WordPress. Ovviamente se si sa cosa e come fare la cosa risulta estremamente facile.

“Quindi devo imparare a usare Git e GitHub?”

Risposta breve: NO, se non li conosci davvero fino in fondo. Git e GitHub sono due strumenti molto potenti, molto efficaci ma complessi e non adatti a tutti. Se senti l’esigenza di utilizzare GitHub o lanciare un comando Git, probabilmente ti stai occupando di un lavoro tecnico e molto delicato.

Serve quindi appoggiarsi a uno o più esperti che sappiano aiutarti a risolvere i problemi che incontri nel tuo cammino di sviluppo e gestione del sito, per non perdere tempo ed essere sicuro che il task venga risolto nel migliore dei modi.

Quindi no, non devi imparare a usare Git e GitHub, ma risulta molto importante che tu abbia capito a cosa servono e che tu sappia quando affidarsi ai tecnici e avere una idea dei tool che andranno ad usare per risolvere i tuoi problemi.

Questo ti permetterà di occuparti delle questioni più urgenti, ad esempio andare avanti col tuo sito (contenuti, stesura di articoli, gestione dei feedback clienti, gestione dell’ e-commerce, gestione socials ,etc…) lasciando ad un team di esperti la gestione delle parti tecniche quali sviluppo del sito, scelta del tema, scelta dei plugin, e testing delle scelte fatte per evitare problemi ed essere sicuro che l’incarico venga svolto in modo corretto

Se anche tu ritieni di aver bisogno di questo tipo di servizio, possiamo fare al caso tuo! Dai un’occhiata ai nostri vantaggi e avvia il tuo periodo di prova gratuito.